pellicole

Postato il

9rlphj

Tratto dal libro “La lunga strada per tornare a casa” di Saroo Brierley e Larry Buttrose, il film “Lion” racconta una storia vera. Sarò, un bambino di cinque anni si perde, sale erroneamente su un treno che lo porta a 1600 km di distanza dal suo villaggio, dalla sua mamma e da suo fratello Guddu. Si trova a Calcutta, nella caotica e immensa città dove l’unica cosa che deve fare è sopravvivere.

Quella di Saroo è una storia che fa eco a tante altre storie, racconta di molti altri occhi, moltissimi altri bambini indiani (80.000 per la precisione) che ogni anno vengono ritrovati a vagare senza famiglia.

Lion promuove il lavoro di alcune associazioni indiane e non che si occupano di ridare speranza e vita a questi bambini

The lady in the van

Postato il

img_0088

Tratto da una storia vera.
La vita, imprevedibile, porta le persone a fare delle scelte. Queste però, nel bene o nel male, non possono tradire la propria indole.
Negli ultimi anni della sua vita Mary Sheperd, in verità Margaret, conosce Alan Bennet,  scrittore e attore e con lui istaura una “particolare convivenza”.
Ma quale passato nasconde questa eccentrica signora, che vive in un furgone parcheggiato proprio nel suo vialetto?

Big Hero 6

Postato il Aggiornato il

 

img_0087

Baymax, un assistente sanitario personale.
Morbido
bianco
rassicurante
soffice
simile ad un marshmallow
dolce e delicato.

Il film d’animazione risulta entusiasmante, ricco di effetti grafici, di particolari, di svolte e improvvise scoperte. Emerge la dolcezza, la forza d’animo, la lealtà, l’amicizia, la disponibilità a sacrificarsi per gli altri.

E poi è divertente
per i bambini…e non solo per loro!

Balalalàlla!

Lemony Snicket: A series of unfortunate events

Postato il Aggiornato il

la-locandina-di-lemony-snicket-una-serie-di-sfortunati-eventi-9517_jpg_191x283_crop_q85

Caro lettore, al mondo ci sono persone che non conoscono né sofferenza né pena, e traggono conforto da allegri film su cinguettanti uccellini e ridacchianti elfi. Ci sono persone che sanno che c’è sempre un mistero da risolvere e traggono conforto nel ricercare e appuntare qualunque indizio importante. Ma questa storia non riguarda tali persone; questa storia riguarda i Baudelaire. E loro sono il genere di persone che sanno che c’è sempre qualcosa: qualcosa da inventare, qualcosa da leggere, qualcosa da mordere, e qualcosa da fare per creare un rifugio, per quanto piccolo. Per questo motivo, sono felice di dire che i Baudelaire erano molto fortunati.

Lemony Snicket: a series of unfortunate events

 

 

Miyoko Shida Rigolo

Postato il Aggiornato il

Questa mattina mi è stato regalato un video che ispira fiducia nell’equilibrio in un tempo di caos.
Equilibrio come forza che permea le cose, una forza che esiste, sempre. Bisogna trovare con pazienza il punto di appoggio giusto. E il gioco è fatto.

I sogni segreti di Walter Mitty

Postato il

 

 

 

To see the world,
things dangerous to come to,
to see behind walls,
draw closer,
to find each other,
and to feel.
That is the purpose of life.