Operazione Colomba

UNHCR

Postato il Aggiornato il

“Lungo la strada questi bambini affrontano disagi traumatizzanti “, ha detto Judith Kumin, Direttore dell’UNHCR per l’Europa. “Si sentono in obbligo nei confronti delle loro famiglie a continuare il viaggio e, di conseguenza, sono doppiamente vittime”.

Leggo un rapporto di UNHCR-Italia sui rifugiati afghani e ripenso al libro “che mi è appena stato regalato “Nel mare ci sono i coccodrilli” di Enaiatollah Akbari. 

Non ho grandi parole da spendere su tutto quello che avviene a causa di guerre e conflitti. L’unica riflessione che desidero condividere con voi nasce da una frase sentita un mese fa a Castelvolturno. A pronunciarla è stato uno dei volontari di Operazione Colomba, un corpo non-violento che interviene nelle situazioni di guerra, inserendosi all’interno di entrambe le parte del conflitto stesso.

Marco diceva: “Chi capisce realmente cosa si intende per “guerra” è chi la subisce”

E sono convinta che questi bambini afghani e le loro famiglie abbiano chiaro in mente cosa vuol dire “guerra”.

E a noi, che leggiamo tutte queste notizie comodamente seduti in poltrona voglio ricordare di prestare attenzione a questo proverbio afghano, riportato all’interno dell’articolo del UNHCR

‘Un albero non si muove se non c’è vento’ – proverbio afgano (Farsi)
che sta a significare ‘nulla accade senza che vi sia una ragione.

E per finire il video in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, promossa da UNHCR

Annunci