Rupnik

Il colore dell’Amore

Postato il Aggiornato il

Quando le pietre sono così espressive
da parlare al tuo cuore.

Una donna
che offre da bere ad un uomo
e ne rimane così colpita
da abbandonare la sua vecchia vita
per seguirlo.

Marco I.Rupnik riesce a far parlare le pietre, riesce a farle cantare.
Ieri ho scartato il mio regalo di compleanno, il regalo che mi hanno fatto i miei fratelli: un buono omaggio per una visita alla Cappellina della Casa Incontri Cristiani di Capiago -Co-
Posticino sperduto tra lago e monti, deserto. Arrivati a destinazione mi lancio alla scoperta del luogo. Incontro un ometto piccino e canuto, gli domando se è lì che possiamo far visita alla cappellina e vedere i mosaici di Rupnik. Mi risponde con un cenno della testa e aggiunge: “Aspetta, vado a chiamare il responsabile”.

Arriva un padre gioioso, sorriso sincero e fresco. Ci guida attraverso le pietre, dentro a quei colori e a quelle forme così semplici, quasi infantili. Nessun particolare, solo l’essenziale delle forme. Ci guida e svela i segreti del lavoro di questo artista.
Bocche piccole, occhi grandi e neri, espressioni di volti che tutt’altro che assenti, sprigionano la consapevolezza di sè, della loro storia, della loro interiorità. Mani tese, brocche ed acqua, un gomitolo rosso, un’ala trattenuta, uno sguardo d’amore, una veste che s’interseca con le pietre di un pozzo -vuoto-; un mantello mosso dallo Spirito, un altro mantello che si allontana, tre doni accanto ad una greppia nera.

Sono rimasta senza parole. Un’opera che parla, sussurra e canta di Dio.

Annunci

Cristo è risorto!

Postato il Aggiornato il

Esulti il coro degli Angeli,
esulti l’assemblea celeste:
un inno di gloria saluti il trionfo del Signore risorto.
Gioisca la terra inondata da così grande splendore:
la luce dell’eterno ha vinto le tenebre del mondo.

Cristo è risorto!